Quasi un podcast, ma in diretta. Quasi un blog, ma in video.

Quasi un podcast, ma in diretta.
Quasi un blog, ma in video.

TEMPORARY BLOG

#4 HR DI FRONTIERA:
DELLE ORGANIZZAZIONI CARISMATICHE, DEI TONNI E DEI DELFINI…

“Noi delle HR” dovremmo limitarci a capire i bisogni dei capi delle nostre organizzazioni, e senza filtrarli troppo visto che oggi quelli di mezzo contano sempre meno in quest’epoca della non comunicazione, spacciata però per comunicazione diretta. Purtroppo però non riusciamo a strapparci di dosso la propensione ad andare più a fondo e quindi a valutarli. È un errore, ma almeno dovremmo cercare di capire se il nostro capo è tonno o delfino. Mi spiego: nuota sotto costa per rotte conosciute come il tonno o cerca il mare aperto e ne sfida le insidie come un delfino? E ancora: è carismatico o professionista? Conduce il branco anche quando non c’è o usa sempre i riferimenti? E infine, ha un obiettivo o ha delle aspettative?

LA FORZA DEI DELFINI

Qui in frontiera, e così anche nei primi passi delle nostre aziende, tutto ha inizio con la forza dei delfini carismatici e con un obiettivo: vanno belli rapidi per la rotta più breve e sconfiggono i loro stessi errori perché sanno dove vogliono arrivare, trascinandosi dietro il successo. Lo sviluppo invece è un processo altrettanto difficile ma meno eroico, che chiede al capo forse meno personalità ma le immancabili competenze comportamentali e manageriali, unite a solide conoscenze del settore e degli scenari. Fino alla scorsa generazione i leader delle organizzazioni si formavano solo sulle conoscenze: buone scuole, i primi anni in consulenza e poi dritti on the job. Per le competenze ci si affidava invece alla formazione familiare, producendo troppo spesso disastri in chi rimaneva schiacciato dalle aspettative.

LA SFIDA DI OGGI

Oggi, con scenari sempre più complessi e competitivi, i capi e i manager hanno il dovere di acquisire e allenare le loro competenze. Il rischio di fallimento, in caso contrario, è troppo alto. Gli strumenti ci sono, e tra questi mi vengono in mente l’executive coaching, la formazione comportamentale e la sfidante ma fruttifera introduzione di personalità inconsuete nei CdA. Il nostro compito è valutarli, suggerirli e applicarli affinché anche il management delle nostre organizzazioni sia pronto anche al mare aperto, consapevole degli strumenti ma anche di come saper navigare verso l’obiettivo senza bussola.

Buona vita.

 

Stefano Pozzi
Temporary Manager Professionista
Specializzato HR | Relazioni Industriali
Diritto del Lavoro | Change Management
stefano.pozzi@manageratempo.com

Foto di sfondo tratta da pexels.com

 

Condividi l'articolo
Autore: Stefano Pozzi
Pubblicato il 12 / 10 / 21

ISCRIVITI ALLA
NEWSLETTER

Rimani sempre aggiornato sul mondo del Temporary Management!
Ricevi gratuitamente tutte le News, Eventi, Convegni, Video, Articoli e Case Histories.

* campi obbligatori



Seleziona come può contattarti Manager a Tempo:
Email
Potrai disiscriverti in ogni momento da questa newsletter cliccando il link "Disiscriviti" in fondo ad ogni nostra email. Per informazioni sul nostro trattamento dei dati personali, in conformità con il Regolamento UE 679/2016, visita la sezione dedicata sul nostro sito web.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi